Incontro con la poetessa Maria Costa

Maria Costa: voce e simbolo d’identità tra mito e storia di Messina

invito evento maria Costa Castanea
L’invito all’evento

Il museo etno-antropologico “I Ferri du Misteri” ha organizzato presso i propri locali in Piazza Umbero I a Castanea (ME) l’incontro: “Maria Costa: voce e simbolo d’identità tra mito e storia di Messina”, un incontro tra chi vuole dare il giusto omaggio alla grande poetessa messinese da poco scomparsa e chi ne vuole scoprire gli intramontabili versi.
Relatore dell’evento il Dott. Giuseppe Ruggeri, medico e direttore del periodico “La Serpe”. Interverranno Domenico Gerbasi, direttore del museo ento-antropologico “I Ferri du Misteri”, Mario Sarica, direttore del museo della cultura e musica popolare dei Peloritani di Gesso. Durante l’incontro verranno proiettati foto e video girati durante i due incontri nei quali il museo “I ferri du misteri” è stato ospite della poetessa presso la sua abitazione l’anno scorso ed altri riguardanti i luoghi e le storie in cui sono ambientate le poesie dell’autrice.

Il video e le foto dell’incontro:

 

Nei giorni 17 e 21 Luglio 2015. il Museo I ferri du Misteri ha avuto il privilegio di essere ospitato dalla poetessa. Qui un breve video ed alcune foto sul memorabile incontro. Questo e molto altro verrà mostrato durante l’incontro del 1 Ottobre 2016.

 

 

 

 

Alcune delle poesie della grande poetessa:

 

 

28 Dicembre 1908

Cambiò di spalla
Colapesce,
quel nefando mattino

Sussultò la terra,
in ruina infernale,
flagello,
giudizio universale.

Tu, prostrata,
sventurata,
naufragasti in macerie,
gemiti, smarrimento,
lamento,miasmi,
e fu schianto e fu pianto;
Madonna di dolore.

Pianse il Tamigi,
il Don e l’Eufrate;
oh Messana.
Città di Fata Morgana,
miti e leggende.

L’alba spettrale,
ti fasciò di gramaglie,
dai picchi alla marina,
ma dai mari glaciali,
primiera salpò la schiera,
dai pompon rosso corallo e
solini azzurro intenso.

Voi, russi fratelli,
foste balsamo, malva,
unguento, linimento,
infuso e decotto,
alle ferite dell’anima,
di quel Dicembre
milenovecentotto!

Maria Costa

Messina, 2006

***

TIRRIIMOTU TI MITTISTI IN MOTU

Radames! Radames! Aida!
Del mio pensiero tu sei regina
Tu di mia vita sei lo splendor!”

Chi su’ sti battimani a uragani?
Matri!
Chi su’ sti fraiddi disumani?
Cola! Cola canciau di spadda,
s’allitiau a cità versu l’abissu.

Quanta amarumi!
Di coppu ruspigghiati
matri dispirati
matri spilanati
trafitti e scunsulati.

Facci piatusi
ppsi â cruci,
motti usciati,
motti a sciobba-vigni,
motti ncastrati,
motti scafazzati,
motti nfigatati,
motti a ndrinucchiuni,
motti a mpennuliuni,
manciati di muscuni,
motti a tunnillati,
motti accatastati
ô fossu sciddicati.

Giummi russi,
figghi e Urali,
figghi tracannali,
mani sudati,
mani mpivvirazzati,
mani travagghiati,
mani nzaguliati,
mani ssuccariati,
mani affritti,
mani,mani,mani, mani biniditti.

S’arrivatau lu munnu
nta tranta e un secunnu
e fu stràziu e ruina
pâ pòvira Missina.
Ma i na sciangazzedda
unni a matina nesci a spera divina
na spera santa i luvanti
splinnìa comu brillanti.
Arrancava la vita!

Maria Costa

 

COLAPISCI, poesia di Maria Costa.

So matri lu chiamava: Colapisci!
sempri a mari, a mari, scura e brisci,
ciata ‘u sciroccu, zottiati sferra,
o Piscicola miu trasi ntera!
Iddu sciddicava comu anghidda
siguennu ‘u sò distinu, la sò stidda.
Annava fora, facia lagghi giri,
e Canzirri, ‘o Faru e Petri Niri.
Un ghionnu sò maistà ‘u vinni a sapiri,
e si pprisintau a iddu cù stu diri:

Iò sacciu chi si l’incantu da’ rivera

e di lu Faru potti la bannera,
scinni ‘o funnu a metri, passi e milia
e dimmi com’è cumposta la Sigilìa,
sè supra rocchi, massi o mammurina
e qual’è la posa di la tò Missina.
E Colapisci, figghiolu abbidienti
mpizzau ‘o funnu, rittu tempu nenti.
‘U Re facìa: chi beddu asimplari
e figghiu a Cariddi e non si nigari.

Sulligitu nchianau Colapisci

comu murina chi so’ canni lisci,
dicennu: “maistà ‘a bedda Missina
vessu punenti pari chi ssi ‘ncrina.
Sù tri culonni cà tenunu mpedi,
una è rutta, una è sana e l’autra cedi.

Ma ‘u Re tistazza ‘i gemmanisi

‘u rimannau pi’ n’autri centu stisi.
Iddu ssummau e ci dissi: Maistà
è tutta focu ‘a basi dà cità.
‘U Re ‘llampau e ‘n ‘coppu i maretta
‘i sgarru ci sfilau la vigghetta.

Giovi, Nettunu, dissi a vuci china,

quantu fu latra sta ributtatina.
Oh Colapisci, scinni lupu ‘i mari
e vidi si mi la poi tu truvari!
Era cumprimentu dà rigina,
l’haiu a malaggurio e ruina.

E Colapisci, nuncenti, figghiu miu,

‘a facci sa fici ianca dù spirìu
dicennu: Maistà gran dignitari
mi raccumannu sulu ‘o Diu dù mari.
e tempu nenti fici a gira e vota
scutuliau a cuta e a lena sciota
tagghiau ‘i centru e centru a testa sutta
e si ‘ndirizzau pà culonna rutta.

Ciccava Colapisci ‘i tutti i lati

cu di mani russi Lazzariati,
ciccau comu potti ‘ntò funnali
ma i boddira ‘nchianavanu ‘ncanali.
‘U mari avia ‘a facci ‘i viddi ramu
e allura ‘u Re ci fici ‘stu richiamu:
Colapisci chi fai, dimurasti?
e a vint’una i cavaddi foru all’asti.

E Cola cecca e cecca ‘ntà lu strittu

‘st ‘aneddu fattu, ‘ntà l’anticu Agittu.
Sò matri, mischinedda ancora ‘u chiama
cà mani a janga e ‘ncori ‘na lama.
Ma Colapisci cecca e cicchirà
st’aneddu d’oru pi l’atennità.

Maria Costa 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *