Filastrocche popolari in siciliano

L’anima di questa terra può essere conosciuta attraverso le filastrocche popolari in siciliano.
In questa pagina, in particolare, si cerca di interpretare cadenze e costrutti tipici dell’area di Castanea, già in alcune parti differenti rispetto a quelli cittadino di Messina per ragioni storiche. E mentre sono molto diffusi gli stessi proverbi trascritti secondo l’influsso della Sicilia Occidentale, ben pochi contributi giungono invece dalla Sicilia Nord-orientale, che è dove il Museo etno-antropologico “I ferri du Misteri” di Castanea si trova e spazia la propria indagine culturale.

Qui di seguito proponiamo le filastrocche raccolte dal direttore del museo Cav. O.M.R.I. Geom. Domenico Gerbasi nel corso degli anni. Chi eventualmente volesse suggerirne altri può farlo nell’area commenti posta in fondo a questa pagina.

PICCOLE FILASTROCCHE POPOLARI

 

DICEMBRE

 

O quattro bbarbaredda

O sei Niculedda

All’ottu Maria

O tridici Lucia

O vitiquattru San Tummasu canta

O viticincu la Nascita Santa

 

Rrama rramaliva

Etta la liva nterra

Pi lu mali e pilu beni

Santa Pasca ora veni

Lu signori mi nni ndrizza

Mi nni manna n abbona nnata

Pi la santa Nunziata

 

Nesci nesci suli

Pi lu santu Srbaturi

Pi li poveri viggineddi

Chi si vonnu maritari

Nesci suli pi ccoddiari

 

Loria sunau

La cuddura si spizzau

Si spizzau in milli mmossa

La cuddura sensa ossa

 

Bonn capu d’annu

E bon capu di misi

Pi fari un palazzu

Ci vonnu tri mmisi

Ci vonnu cauci maturi e rrina

Quannu siti commiti

Mi dati a scrina

 

Frivaru frivarisi

Frevi mi avi cu frivaru ci misi

 

Frivaru curtu e amaro

Massu pazzu

Aprili non lunari e non mittiri

Maiu comu vaiu vaiu

Giugnu giugnettu unni arrivu mi iettu

Austu e rraustu e ccapu di mmennu

 

 

Filastrocca del Sabato Santo:

Loria sunau

La cddura si spizzau

Si spzzau in centu mmossa

La cuddura senza ossa.

ne conosci altri?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *