Pastore

A “pignata”: la casa del pastore

La caseificazione merita un percorso diverso di approfondimento. Tantissime sono infatti le tradizioni e gli usi inerenti al mondo pastorale tipiche dell’area dei Peloritani. L’utilizzo della “pignata” è sicuramente tra queste. Questa incredibile esperienza è stata filmata da Santi Raineri, insieme al direttore del Museo I Ferri du Misteri Cav. O.M.R.I. Geom. Domenico Gerbasi, i quali, spinti da una sana curiosità, hanno potuto recuperare vecchie tradizioni inerenti al mondo pastorale

Anche questo filmato è stato girato nel villaggio di Massa S. Giorgio, frazione di Messina insistente a pochissimi chilometri dal paese di Castanea. Una chicca è la messa in funzione di una autentica cucina  di tipo agro-pastorale, i quali ambienti sono indicati e sottolineati con cura. Immersa in un tempo antico è stato acceso un focolare sul quale è stata adagiata la pignata

Video successivo

Video precedente

 

Questo corso, o meglio, percorso di video e documenti in campo agricolo e pastorale si pone l’obiettivo di poter dare al curioso visitatore degli spunti positivi e propositivi verso il mondo agricolo. Il museo, per sua natura sempre aperto e disponibile ad ogni forma di contributo, si impegna nella raccolta di saperi e di testimonianze di questa nobilissima arte.  Questo slancio avviene non solo attraverso la raccolta dei preziosissimi reperti (come quelli custoditi nelle Sale E, F e G), che il Museo I ferri du Musteri orgogliosamente custodisce relativamente a diversi ambiti dell’agricoltura (compreso olio e vino), ma sopratutto favorendo quelle forme di incontro e scambio di saperi tra le persone che arricchiscono la conoscenza e le coscienze di ciascuno. Il museo vuole essere protagonista di questa diffusione di saperi, e si pone come polo culturale di attrazione per coloro i quali vogliono far rivivere le tradizioni rurali e contemporaneamente invita presso i propri spazi chiunque voglia aiutare il museo in questa missione, ad esempio organizzando un convegno (vedi servizi), donando reperti (vedi sostienici) o in qualunque altro modo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *